Click e Chic | Fotografo di Matrimoni | Blog
loading...

MARIA ELENA ERCOLI

MARIA ELENA ERCOLI

Cos’hanno in comune Nefertiti, Cleopatra, Poppea, le antiche greche, le nobildonne francesi del ‘700, le asiatiche ieri e soprattutto oggi? Una pelle splendida, ottenuta con attenti e più o meno sofisticati rituali di bellezza.

Sì, perchè una bella pelle curata e luminosa è la base di tutto, il punto di partenza imprescindibile per un aspetto radioso, soprattutto in un giorno importante come quello delle nozze. Affidarsi ad un esperto di make up è indubbiamente importante, soprattutto in un giorno in cui tutti gli occhi e gli obiettivi sono puntati sulla sposa, ma è necessario che la pelle sia stata già preparata nei mesi precedenti se si vuole davvero splendere.

Ce lo insegnano anche le tendenze della moda degli ultimissimi anni: poco trucco su un incarnato assolutamente lucente (che non significa lucido) e curato.

La preparazione della pelle è un argomento su cui insiste anche Maria Elena Ercoli, giovane make-up artist dal ricchissimo curriculum.

Innamorata di pennelli e sfumature Maria Elena inizia la sua carriera nel 2010 accanto al truccatore Luigi Ciminelli sul set cinematografico di "Area Paradiso", film per la tv diretto ed interpretato da Diego Abatantuono. Dopo due anni trascorsi sui set pubblicitari e cinematografici, come assistente e come capo reparto, vince una borsa di studio per frequentare l'accademia londinese Christine Blundell Makeup Academy della truccatrice Premio Oscar omonima. Terminati i corsi, lavora accanto ad uno dei docenti durante le riprese sudafricane della serie tv americana "Black Sails".

Rientrata in Italia, riprende a collaborare con case di produzione pubblicitaria e con il settore della moda, lavorando con fotografi, stilisti e agenzie di moda e curando trucco e capelli per campagne pubblicitarie, cataloghi, lookbook, sfilate e e-commerce. Da due anni, inoltre, tiene corsi di beauty e self makeup, insegnando dapprima alla Mua Milano Makeup Academy e poi alla Mood Art di Verona, con la quale collabora tuttora.

Infine, ed è forse questo uno dei settori che Maria Elena predilige, si occupa della cura dell'immagine, dal makeup all'hairstyle, di celebrity e numerose spose italiane e straniere. Il perché di tale preferenza è facile da spiegare: quando si lavora con un regista è necessario “creare” con il trucco il personaggio che questi ha in mente. Quando, invece, si studia un look per una donna, che si tratti o meno di una sposa, si cerca innanzitutto di comprendere il suo carattere, la sua personalità: lo scopo è quello di valorizzarne la bellezza, attraverso uno studio che non sia solo estetico, ma che metta in evidenza i punti di forza e minimizzi le imperfezioni. Quelli che per anni sono stati considerati dall’interessata spiacevoli difetti si rivelano caratteristiche peculiari capaci, con giusti accorgimenti, di rendere un volto più interessante e particolare. E’ un lavoro assolutamente stimolante e per far sì che la sua cliente si senta bene con se stessa e bella, Maria Elena dedica molto tempo all’incontro conoscitivo e alla prove trucco: si crea così un rapporto interpersonale che arricchisce e soddisfa entrambe.

Tra i consigli che Maria Elena dà a tutte le future spose il primo e fondamentale riguarda, come è stato detto all’inizio, la cura della pelle; le sue “istruzioni per l’uso” si riassumono in otto punti:

 

1: detersione e scrub. La pulizia delle pelle è fondamentale. Occorre struccarsi con una lozione bifasica, detergere poi viso e collo con un gel delicato e infine idratare con un burro, olio o una crema base viso a seconda del tipo di pelle e del clima. Lo scrub va fatto (non più di una volta la settimana) quando la pelle risulta ruvida e impura al tatto, soprattutto nelle zone porose (naso, mento, fronte).

2: semplicità. E’ importante imparare a utilizzare poco makeup, in modo da lasciar respirare la pelle e avere un aspetto fresco e giovane. Non bisognerebbe, inoltre, esagerare con correttori e fondotinta corposi per  la correzione di difetti, ma piuttosto sarebbe utile imparare a valorizzare un’altra parte del viso, evitando che gli sguardi si posino dove non si vuole.

3: tonico. Ogni volta che si pulisce la pelle e soprattutto prima di un trucco che deve durare molte ore bisogna usare un tonico prima della crema base. Meglio se astringente per pelli grasse o impure, lenitivo per pelli sensibili o secche.

4: rimozione del trucco. Mai, mai, mai dimenticarsi di struccarsi la sera dopo il lavoro o prima di andare a letto. “Strucca, detergi, tonifica e idrata la pelle” sono i quattro imperativi tassativi per una pelle sana.

5: sport. Praticare attività fisica con regolarità per mantenere tonico e in forma il fisico e giovane ed elastica la pelle del viso.

6: idratazione e massaggio. Ogni volta che si applica la crema idratante sul viso bisogna ricordarsi di massaggiarla a fondo premendo con i polpastrelli e stendendo il prodotto con movimenti circolari dal basso verso l’alto e viceversa. Il massaggio permette alla pelle di assorbire meglio il prodotto, di rimanere asciutta più a a lungo e di riattivare la circolazione.

7: no alle lampade. Se proprio fossero indispensabili, è importante usare la protezione solare fattore 50+ per difendere la pelle da possibili capillari rotti, macchie, rughe e occhiaie grigiastre.

8: idratazione. E’ necessario mantenere la pelle idratata non solo con le creme, ma soprattutto bevendo con regolarità acqua e tisane.

L’ultimo consiglio che chiediamo a Maria Elena riguarda la scelta dell’esperto di immagine più adatto per il giorno del proprio matrimonio. Si tratta di una decisione delicata, perché a lui viene affidata l’immagine della sposa che sarà sotto gli occhi di tutti e verrà immortalata in centinaia - è il caso di dirlo - di scatti. E’ dunque importante, ci dice Maria Elena, rivolgersi a un professionista che abbia esperienza di matrimoni (ma che sia in grado di andare oltre i cliché del trucco sposa), e che, soprattutto, sappia capire la cliente, individuare i suoi punti di forza e studiare un look completo (make up e capelli) e personalizzato che ne esalti lo stile, la personalità e la bellezza. E’ necessario che quel giorno la sposa si senta bella, a suo agio, sicura di sé e della durata del trucco e dell’acconciatura scelti per lei. Lo studio di questi ultimi passa attraverso il colloquio conoscitivo, l’analisi del volto e delle foto della cliente e le prove preliminari. Parlarsi e confrontarsi è cruciale e può talvolta essere difficile quando l’esperto deve mostrarsi critico e indirizzare la sposa verso scelte più adatte a valorizzarla. Per questo è importante che tra i due ci sia intesa e che il professionista sia scelto non solo in base al curriculum, ma anche alla sua sensibilità e alla capacità di comprensione. Il rapporto di fiducia diventa fondamentale per la buona riuscita del lavoro. E di Maria Elena ci si può davvero fidare.