ELISABETTA CARDANI
loading...

ELISABETTA CARDANI

ELISABETTA CARDANI

IL SUONO SEGRETO DEI FIORI
Elisabetta Cardani

 

In un temporalesco pomeriggio di luglio andiamo a trovare Elisabetta Cardani nel suo atelier a Dalmine e subito il suo sorriso solare ci accoglie e ci fa dimenticare la pioggia. Elisabetta ci mostra il laboratorio dove sono appena arrivati i fiori – che sotto le sue mani sapienti si trasformeranno in colorate e fragranti composizioni - e, mentre ce li descrive il viso le si illumina, rivelando tutto l’amore che porta per il suo lavoro.

Cresciuta in una famiglia di fioristi, Elisabetta ha i fiori nel DNA e negli anni è stata testimone dei molti cambiamenti che riguardano il rapporto “sposa-fiori”: dal ruolo più marginale degli anni ‘80-‘90, in cui essi servivano più che altro a riempire uno spazio, alle scenografie floreali attuali, volte a stupire, comunicare ed essere ricordate. Per ottenere quest’ultimo scopo Elisabetta dà molta importanza al dialogo con gli sposi, in particolare con la sposa: una volta stabilito il budget a disposizione (fondamentale per individuare quali e quanti siano i momenti della cerimonia e del ricevimento in cui intervenire), è necessario capire la personalità dei fidanzati: per Elisabetta, infatti, non esiste il fiore giusto in senso assoluto, valido per qualsiasi cerimonia, né si devono seguire pedissequamente le tendenze del momento, ma bisogna che i fiori scelti “risuonino” con gli sposi.

“Ogni fiore – ci dice – ha un proprio peculiare suono e bisogna ascoltarlo perché si possa creare il perfetto accordo con la coppia. E’ una questione di vibrazioni, che si riconoscono dialogando e che permettono di individuare il fiore più adatto a quella specifica occasione.” e aggiunge ancora, come rivolgendosi ad una futura sposa: “Il fiore è uno stato d’animo, devi capirlo, condividerlo, apprezzarlo, deve suonare con te perché è espressione della tua personalità”.

Laddove è possibile è Elisabetta che si occupa di creare tutta l’immagine della giornata in qualità di vera e propria wedding designer.

Le sue parole chiave? Grazia, buon gusto, cultura (intesa come conoscenza a 360° del mestiere).

Gli irrinunciabili – qualsiasi sia il budget-? Una bella composizione per la cerimonia, una bellissima decorazione per la tavola ed uno strepitoso bouquet.

Il suo motto? Riappropriarsi dello stile italiano: in un periodo storico in cui è fortissima l’influenza di social come Pinterest e Instagram è importante capire quali siano gli elementi della nostra tradizione e far sì che tornino ad essere i protagonisti, per non ridurci a scimmiottare culture e stili che non ci caratterizzano.

Il suo modus operandi? Essere presente all’intero evento per coordinare tutto al meglio e terminare, una volta smontati i centro tavola, con la consegna agli invitati di una shopper perché possano portare con sé un piccolo ricordo floreale.

Concludiamo la nostra piacevole chiacchierata con una domanda: di quale matrimonio, recente o passato, avrebbe voluto occuparsi Elisabetta?

“Di quello di Kate Middleton, una donna elegante e moderna, che, con grazia e tanta determinazione, ha saputo imprimere la propria personale nota ad una cerimonia rigidamente tradizionale”.

 


Allestimenti: Elisabettacardani
Foto By Andrea Ciriminna - ClickeChic Fotografo di Matrimonio