IL TROMPE L'OEIL
loading...

IL TROMPE L'OEIL

IL TROMPE L'OEIL

Trompe l'oeil:  affresco o pittura muraria? Nessuno dei due ed entrambi, verrebbe da dire...
Nel blog di Click E Chic scriviamo principalmente di fotografia di matrimonio, stilisti e tutto quello che riguarda il mondo del wedding. Oggi, invece, vi parliamo di trompe l'oeil, vista la curiosità che ha suscitato finora il nostro articolo sullo strappo d'affresco.
Come alcuni di voi sanno, i nostri fotografi di matrimonio provengono da ambiti culturali e creativi diversi, dall'editoria al mondo dell'arte: fotografia, incisione e stampa calcografica, pittura su tela, legno e affresco.
Talvolta, quando si parla di affresco, si fa confusione con il trompe l'oeil: in realtà si tratta di due concetti nettamente distinti. Il primo è una tecnica pittorica, la “pittura a fresco”, che consiste – semplificando - nel dipingere su intonaco fresco con pigmenti puri stemperati in acqua. Il secondo, invece, è un genere pittorico, che prevede l'ottenimento di un'illusione ottica attraverso un dipinto realistico e un uso della prospettiva tali da creare un finto spazio sulla parete.
Il trompe l'oeil può, quindi, essere realizzato con l'impiego di diverse tecniche: affresco, tempera, olio su muro, acrilico. L'importante, come dice il termine, è riuscire ad “ingannare l'occhio”.
Uno dei trompe l'oeil più celebri è quello del Bramante in Santa Maria presso San Satiro a Milano: a corto di spazio per la costruzione dell'abside (egli aveva in mente una pianta a croce greca per la chiesa), il grande architetto creò un'incredibile illusione ottica con un abile uso di prospettiva, pittura a fresco e stucchi. Un altro esempio si trova nella Camera degli Sposi di Andrea Mantegna a Mantova, nella quale vediamo una finta porta e un oculo sul soffitto che ricrea un'apertura verso il cielo. Oppure possiamo ricordare i trompe l'oeil affrescati da Paolo Veronese a Villa Barbaro a Maser (TV): all'interno del corridoio principale si ammirano porte, balaustre che si affacciano su giardini immaginari, incredibili paesaggi tra colonnati... tutti finti, ma dipinti così bene da sembrare veri.

Oggi il trompe l'oeil è tornato ad essere un genere molto richiesto nelle abitazioni, per le infinite possibilità che offre: allargare gli spazi, decorare in modo originale una parete, creare una finestra che si apre su un paesaggio che si vorrebbe poter ammirare dal vero...
Sebbene l'affresco garantisca un'incredibile resistenza e durata, nonché la possibilità di essere strappato e conservato altrove in caso di necessità, i suoi alti costi e tempi di realizzazione lo relegano ad un mercato più di nicchia. Si adottano, invece, sempre più frequentemente nuove e performanti pitture acriliche, che rendono accessibile questo genere pittorico ad un pubblico più ampio: una clientela desiderosa di dare un tocco di classe e di valore alla propria casa attraverso un'opera dipinta a mano, moderna e al tempo stesso di origine antica.


Se siete interessati ad un progetto personalizzato, contattateci qui.